Giunge notizia che il Registro Italiano dei Medici ha nuovamente ripreso ad inviare a tutti gli iscritti una comunicazione con cui chiede dati ed informazioni ai medici, per una eventuale pubblicazione sul Registro stesso.

Com'è noto, in relazione a precedenti iniziative del Registro Italiano dei medici, l'Autorità Garante della concorrenza e del mercato, con decisione del 4 luglio 2011, ha sanzionato il messaggio di cui trattasi per pubblicità ingannevole illecita, vietandone l'ulteriore diffusione ed irrogando alla stessa la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 100.000.

Si informano gli iscritti che tale iniziativa ha carattere esclusivamente privatistico e commerciale e. soprattutto, in nessun modo riguarda l'Ordine dei Medici.

Si segnala inoltre che, nonostante la scarsa trasparenza della comunicazione, l'adesione all'iniziativa prevede onerosi costi a carico dei sottoscrittori.