Cooperazione Sanitaria Internazionale

La Federazione Toscana degli Ordini dei Medici ha firmato un protocollo d’intesa con gli Assessori Regionali al Diritto alla Salute e alla Cooperazione Internazionale.

Un’intesa che appare forse poco appariscente, ma che ha invece un grande significato etico e politico. 
È la prima volta che l’organo della professione sigla un accordo con una Regione (o con lo Stato) per migliorare la cooperazione internazionale, coinvolgere più medici in queste iniziative, sensibilizzare al problema i professionisti e formare i colleghi che si apprestano a recarsi nei Paesi poveri in cui i livelli assistenziali sono bassissimi e le condizioni di salute uguali alla estrema povertà che li contraddistingue. 
L’interesse dell’Ordine e, per fortuna, di moltissimi colleghi e di tanti infermieri disposti a dedicare parte del loro tempo in esperienze assistenziali nei paesi del terzo mondo, non deriva soltanto dall’obbligo deontologico di solidarietà e di cura nei confronti di chiunque ne abbia bisogno, dal dettato del Codice Deontologico insomma, ma anche da considerazioni strettamente sanitarie. 
Un mondo di disuguaglianze così estreme facilita il diffondersi di malattie e determina tensioni sociali che fatalmente si ripercuotono sulle nostre ricche nazioni. 
Il protocollo definisce le modalità di informazione che Regione Toscana e Ordine dei Medici si impegnano a dare ai medici, la scheda di rilevazione delle disponibilità dei singoli, le iniziative formative e culturali comuni. 
È un impegno morale che riguarda, è bene ricordarlo, anche l’assistenza alle sacche di emarginazione presenti in Toscana. 
I problemi degli immigrati e degli emarginati sociali sono gravi e urgenti. Basti pensare all’alto tasso di abortività tra le donne immigrate povere. L’Ordine quindi raccoglie, attraverso questo sito, le disponibilità dei colleghi e darà loro le informazioni di cui dispone.
È un modo moderno per rinverdire l’antico giuramento di Ippocrate.

 Per ogni ulteriore informazione circa le iniziative di Cooperazione Sanitaria Internazionale promosse in Toscana è possibile consultare il sito: www.regione.toscana.it/sst nella sezione dedicata alla C.S.I. - Cooperazione Sanitaria Internazionale.

Informativa sulla privacy
In base a quanto previsto dal Decreto Legislativo 30.06.2003 n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali", si informa che i dati personali che La riguardano, da Lei dichiarati su questo questionario, saranno trattati in forma strettamente confidenziale e saranno utilizzati al solo scopo di raggiungere le finalità descritte in precedenza. I dati personali che La riguardano e che ci vengono liberamente comunicati, verranno registrati su supporti elettronici protetti secondo quanto previsto all'art. 33 del Codice sulla privacy, trattati in via del tutto riservata per le finalità connesse all'attività di ricerca in questione e non saranno comunicati a terzi. Lei ha, comunque, la possibilità di esercitare in qualunque momento i diritti di cui all'art. 7 del Codice medesimo.
L'invio dei propri dati tramite la procedura di registrazione, comporta manifestazione del consenso al trattamento dei propri dati, secondo quanto sopra descritto.

 Salute Globale: principi-guida della Cooperazione

Informazioni aggiuntive